lunedì 22 dicembre 2008

The EU "Green Paper" on agrofood quality


The EU Commission has recently published the long-awaited "Green Paper" on agrofood quality. This documents is likely to be a moment of critical reflection, elaboration and general involvement about strategies, tools and policies directed to "protect and promote quality in agrofood products" without adding further no-use costs to farmers.
With this document a new reflection phase on the adequacy of the present tools in the EU laws, on possible improvements and eventual new initiatives is opened.

Moment of necessary reflection should interest for example the problem of food origin, certifications, organic productions and the problem of "Made in..."

With this "Green Paper" European Commission launches a clear signal: agrofood system is not only linked to competitive strategies, cost reductions and particular innovative technologies, but also to the producers' capabilities in differentiating their products, adding effective "quality" and efficiently communicating this quality and added value.

This document can be found at the following link:
http://ec.europa.eu/agriculture/quality/policy/index_en.htm

Il "Libro Verde" Europeo sulla qualità agroalimentare


La Commissione Europea ha recentemente pubblicato l’atteso "Green Paper" dedicato alla qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Si tratta di un documento che si pone come momento critico di riflessione, approfondimento e coinvolgimento generale sulle strategie, strumenti e politiche utili a “proteggere e promuovere la qualità dei prodotti agricoli” senza aggiungere ulteriori costi inutili agli agricoltori. In sostanza si apre una fase di attenta riflessione sulla adeguatezza o meno degli attuali strumenti presenti nella normativa dell’Unione Europea, sui possibili miglioramenti da apportare e sulle eventuali nuove iniziative da lanciare.

Momenti di rilfessione in particolare devono riguardare il problema delle denominazioni DOC, IGT e DOP, le varie certificazioni, il biologico o la questione del "Made in..."

Con questo documento la Commissione Europea comunque lancia un preciso segnale ovvero l'agroalimentare non si lega solo a strategie competitive, riduzione dei costi o particolari innovazioni tecnologiche, ma anche sulla capacità dei produttori di differenziare i prodotti, di apportare "qualità" effettiva e di saper comunicare efficacemente questa qualità.

Il documento può essere scaricato al seguente link:

http://ec.europa.eu/agriculture/quality/policy/index_en.htm

venerdì 19 dicembre 2008

Women, Migration, Development

An interesting document has been recently published as the result of the Virtual Discussion “Gender, Migration, Remittances and Development: Towards a Participatory Research Framework” which has involved more than 90 researchers, coming from 25 different countries, dealing with the issues of Gender & Migration.

This document has been published by the Foundation "International Research and Training Institute for the Advancement of Women" (UN-INSTRAW) of the UN.

The paper analyzes, through a competent and detailed approach, the issues of the relations between migration and development, the role of remittances and the feminization of migrations. Women play a relevant role within migration flows playng also a critical role also within the "remittance phenomenon" in sending, receiving and managing of remittances. For this reason, women have a focal role within the dynamics and articulations of the relations between development and migration.

Nonetheless, the feminization of migrations and women's role within the remittances' flows still are poorly studied issues. This paper aims to fill this research gap.

The document can be found at the following link:

http://www.gemmaproject.eu/publicdocs/Results%20of%20the%20Virtual%20Discussion.pdf

Donne, Migrazioni, Sviluppo

E' stato recentemente pubblicato un interessante documento come risultato della Virtual Discussion “Gender, Migration, Remittances and Development: Towards a Participatory Research Framework” tenutasi nelle scorse settimane, alla quale hanno preso parte oltre 90 ricercatori provenienti da 25 diversi paesi interessati al tema Gender & Migration.

Il documento è stato elaborato dalla fondazione "International Research and Training Institute for the Advancement of Women" (UN-INSTRAW) creata dalle Nazioni Unite.

Il documento affronta in modo competente ed approfondito il tema del rapporto fra migrazione e sviluppo, la funzione delle "rimesse economiche" e la femminizzazione della migrazione. Le donne infatti hanno un peso considerevole nei flussi migratori e hanno un ruolo importantissimo all'interno del fenomeno dei flussi di rimesse economiche sia come mittenti che riceventi che come gestrici di questi soldi. Ciò attribuisce loro quindi una funzione critica all'interno dei fenomeni connessi al rapporto fra migrazione e sviluppo.

Nonostante tutto questo, la femminizzazione delle migrazioni ed il ruolo delle donne nei flussi di denaro che si muovono fra i paesi di provenienza e di destinazione rimangono questioni poco studiate. Questo documento mira appunto a colmare tale lacuna.

E' possibile visualizzare questo documento al seguente link:

http://www.gemmaproject.eu/publicdocs/Results%20of%20the%20Virtual%20Discussion.pdf

mercoledì 17 dicembre 2008

Corruption, Corruption, Corruption Always and Again


Everyday we receive in Italy detailed information about the severity of the present economic crisis and its future implications; alarms for the continuosly growing number of jobs lost and at risk with entire families suddenly pushed to poverty; everyday in Italy an incresing number of people finds growing difficulties in managing everyday life...

Having this scenario in mind, I receive with disgust and anger the recent news about cases of presumed political corruption in Italy. This cases, if confirmed by investigations, severely offend the dignity of the people suffering at present the main pressures of those sacrifices economic crisis is imposing to italian society.

1) Neaples. Investigations have determined house arrest for 12 individuals among which 2 city counciliors, 2 former city counciliors and a former public infrastructures' manager. Also 2 MPs seem to be involved: one of the current majority and one from the opposition party.

2) Potenza (Basilicata Region). Investigations about suspected bribes for oil extraction in Basilicata Region caused Mr Lionel Levha, Total managing director, to be arrested with the involvement of Mr Salvatore Margiotta (MP of the Democratic Party 'PD' - opposition). A PD Province counsellor is presently at house arrest. Also the President of Basilicata Region Vito De Filippo (PD) is suspected as well.

3) Pescara (Abruzzo Region). The former major of city of Pescara and regional PD Secretary Luciano D'Alfonso is under investigation for a long series of "favours" received by Carlo Toto and his son Alfonso (AirOne owners) in the form of free travels. luxury dinners, a car with driver, economic supports to associations, political financing. According to the investigations Mr D'Alfonso has politically previleged Mr Toto's companies.

What is emerging from these news is the capillary diffusion of political corruption in Italy, about which only naive people can still wonder. The widespread diffusion of these phenomena involves Majors who seem ready (even for a modest amount of money) to obtain personal advantage at any cost from the public offices they occupy. All this is aggravated by the fact that a major or a local administrator are elected to manage local resources for the benefit of all and to increase the quality of life of the community living in a give area: on the contrary, political corruption translates these resources into tools to achieve personal interests damaging the entire community.

The transverse feature of the problem is highlighted by the massive involvement in these cases of politicians from the Democratic Party at present at the opposition in the Parliament: no ideology seems capable to stop political corruption. In Italy a sole Great Corruption Party is emerging in the political landscape capable to encompass the entire national political spectrum.

A structural and pathological incapability of the italian political parties to adequately select a political class based on a minimum level of honesty and dignity is confirmed again.

Corruption, as well Mafia, is like a boulder bearing upon the entire italian society: this political shameless class acts like a brake for economic and social development hampering the emerging of the best energies and pushing all of us downward.

What can we do in these wretched conditions?

Corruzione, Corruzione, sempre Corruzione


Tutti i giorni ci si fa notare la profondità e gravità della crisi in corso e delle sue implicazioni future; crescono gli allarmi per il numero sempre crescente di posti di lavoro perduti e di quelli a rischio con intere famiglie spinte al di sotto del livello di povertà; ogni giorno per milioni di italiani diventa sempre più difficile gestire la quotidianità per le gravi difficoltà economiche.

Di fronte a questo scenario quotidiano riceviamo con disgusto e rabbia le notizie dei continui presunti casi di gravissima corruzione politica. Sono casi che se accertati dalla magistratura, offendono gravemente la dignità di tutti quei cittadini che in questo momento si fanno carico sulle loro spalle del peso maggiore di tutti quei sacrifici che la crisi sta imponendo alla società italiana.

1) Napoli. Conseguentemente alle indagini che hanno portato in carcere l'imprenditore Alfredo Romeo, sono finite agli arresti domiciliari altre 12 persone tra le quali due assessori della giunta comunale di Napoli, due ex assessori e un ex provveditore alle opere pubbliche. Inoltre anche due parlamentari in carica sarebbero coinvolti nelle indagini: uno di maggioranza e uno di opposizione.

2) Potenza. Le indagini sulle presunte tangenti sugli appalti relativi all'estrazione di petrolio in Basilicata hanno determinato l'arresto dell'amministratore delegato della Total Italia "Esplorazione e produzione", Lionel Levha ed al coinvolgimento del deputato del Pd Salvatore Margiotta, per il quale sono stati chiesti gli arresti domiciliari nel caso in cui la Camera darà l'autorizzazione. Agli arresti domiciliari anche il consigliere provinciale di Matera del Pd, Nicola Montesano. A seguito delle stesse inchieste è stato indagato anche il presidente della Regione Basilicata Vito De Filippo (Pd) sospettato di favoreggiamento personale e rivelazione di segreto.

3) Pescara. L'ex sindaco di Pescara e segretario regionale Pd Luciano D'Alfonso è indagato per aver ricevuto una lunga serie di favori da parte di Carlo Toto e il figlio Alfonso (dirigenti di AirOne) sottoforma di viaggi gratutiti, cene, vacanze, auto con autista per tre anni, finanziamenti a pro loco, associazioni e contributi vari, anche elettorali. In cambio, secondo gli inquirenti, D'Alfonso avrebbe dato una promessa di una politica benevola per la Toto spa, soprattutto per quello che riguarda i progetti di ristrutturazione dell'ex stazione ferroviaria.

Quello che emerge da queste notizie è in primo luogo la diffusione capillare della corruzione politica in Italia, fatto di cui solo gli ingenui e le persone in malafede si possono ancora meravigliare. La capillarità dei questi fenomeni riguarda Sindaci ed amministratori locali che sembrano disposti a tutto (anche per somme modeste) pur di ottenere vantaggi personali dalle cariche pubbliche che occupano. Questo poi è aggravato dal fatto che un sindaco ed un amministratore locale vengono eletti per poter gestire le risorse locali a vantaggio e per il beneficio di quella comunità che vive in quel territorio: invece la corruzione politica strumentalizza la gestione di tali risorse a vantaggio di interessi personali e a danno di tutti.

La trasversalità del problema è poi evidenziata dal massiccio coinvolgimento di politici del Partito Democratico nelle inchieste: nessuna ideologia sembra fermare la corruzione in Italia. Ormai in Italia sta venendo a galla un unico grande partito di corrotti che abbraccia tutto lo spettro politico nazionale.

Insomma si conferma ulteriormente un'incapacità strutturale e patologica dei partiti politici italiani di selezionare adeguatamente una classe dirigente con un livello minimo e decente di onestà e di dignità.

La corruzione, come la Mafia, pesa come un macigno sopra tutta la società italiana; questa classe politica senza vergogna è un freno allo sviluppo economico e sociale che impedisce alle energie migliori di esprimersi e che ci trascina sempre più in basso...

In queste condizioni così miserabili, che cosa possiamo fare?

martedì 16 dicembre 2008

Environment and Energy Policies: a good example from USA


The future American President, Barack Obama, has indicated the first group of top experts will deal with energy and environment issues.

To the Ministry for Environment, Steven Chu, Nobel prize winner for Physics well-known for his researches on renovable energies and his fight against global warming, Carol Browner, Climate Change, Lisa Jackson, future director of EPA (Environmental protection Agency) and Nancy Sutley, White House Council on Environmental Quality.

Barack Obama accompanied these indications stating that "America will lead not just at the negotiating table — we will lead, as we always have, through innovation and discovery"

Listening to these news from here, I receive all this with a sad and bitter note of envy.

The future American Top Administration is likely to be composed by Nobel Prize winners, with a considerable presence of women and young experts, highly skilled, competent and qualified personalities potentially capable to cope with and (I hope) solve the dramatic problems of the present times; and this is valid not only for environment and energy, surely at the core of these problems, but also for all the intervention fields.

Surely we in Italy cannot feature similar political performances: diffused "gerontocracy", sistematic discrimination against women in politics, diffused political corruption at any level, incompetent cinic politicians selected only on the base of their political affiliation and servility...

The statement: "America will lead not just at the negotiating table — we will lead, as we always have, through innovation and discovery" stimulates a further envy. From this statement I personally argue that in the future innovation and research will represent for USA not only a priority but governing tools.

In Italy public schools and education system are collapsing because considered costs to be cut (except for catholic schools which will benefit further State economic support for political reasons - mind the Vatican).

Universities and research centres are not only useless and expansive, but they still remain places to be politically occupied where valuation systems, quality and merit must be banished.

There's a lot to think about...

Politica per l'Energia e per l'Ambiente: l'esempio viene dagli USA


Il futuro presidente degli USA, Barack Obama, ha indicato i primi nominativi del prossimo team che si occuperà di energia e di ambiente. Al Ministero dell'Energia Steven Chu, premio Nobel per la Fisica e scienziato noto per le sue ricerche sulle fonti d'energia rinnovabili e la lotta al riscaldamento globale, Carol Browner, problematiche climatiche, Lisa Jackson, a dirigere l'Epa, l'agenzia federale per l'ambiente, e Nancy Sutley, nominata capo del consiglio sulla qualita' ambientale alla Casa Bianca.

Barack Obama ha accompagnato l'annuncio affermando che l'America intende "guidare il mondo con l'innovazione e le scoperte".

Viste da qui, non possiamo non ricevere queste notizie se con una nota di amara e triste invidia.

Quella che si sta delineando è infatti una futura amministrazione americana composta da Premi Nobel, con una forte componente femminile e di giovani, personalità altamente qualificate e competenti potenzialmente in grado di affrontare e (speriamo) risolvere i giganteschi problemi del nostro tempo; e questo non solo per le tematiche ambientali ed energetiche, certamente uno dei nodi critici che sottointendono questi giganteschi problemi, ma per tutti i fronti di intervento.

Certamente in Italia non possiamo vantare performance politiche di questo genere: gerontocrazia diffusa, discriminazione sistematica contro le donne ed i giovani in politica, corruzione diffusa a tutti i livelli, politici incompetenti selezionati solo sulla base dell'affiliazione politica e della fedeltà ai superiori, una classe politica cinica e senza scrupoli...

La dichiarazione poi secondo cui l'America intende "guidare il mondo con l'innovazione e le scoperte" provoca in me un'invidia ulteriore. Negli Usa innovazione e ricerca non solo una semplice priorità, ma diventeranno dei veri e propri strumenti di governo.

In Italia, la scuola pubblica e la formazione sono voci di costo superflue da tagliare (lo stesso non vale per la scuola cattolica che invece viene sostenuta generosamente per motivi politici).

L'università e la ricerca scientifica non solo solo inutili e costose ma sono luoghi da occupare politicamente dove la valutazione, la qualità ed il merito ( per quanto si dica il contrario) non devono entrare; e se proprio bisogna valutare qualcuno, i controlli si fanno solo sui perdenti di turno e sugli sfigati...

Che invidia...

lunedì 15 dicembre 2008

A Christmas Tree in St. Peter's Square


After many posts about economic topics, I would like to write something about the great Christmas Tree yesterday has been inaugurated in St. Peter's Square in Rome. This is a 33m tree, coming from the Austrian Forests, about 120 years old which has been donated to the pope and to the vatican.

I'm not an expert in forest management but I have to say that this tradition seems to me completely absurd and irrational. A 120 years fir tree is a green monument which has been killed just for a whim...

Trees are not "objects", but living beings with a dignity and worthy of our respect. I have recently read a very good book by J. Brosse titled "Trees' Mythology" (I warmly suggest to read this book) where the author give an ancient and traditional role and a mysticism back to these living beings continuosly threatened by the criminal madness of the "exploitation economy".

Considering the great suffering we are everyday inflicting to Mother Earth, maybe a sign of awareness by the pope and the vatican about these issues would have been highly appreciated.

This vatican tradition thus is annoying me and it seems to me completely stupid and useless...

L'albero di Natale in Piazza S. Pietro


Dopo tanti post su temi economici e sulla crisi, mi voglio dedicare al grande albero di Natale che ieri è stato acceso in Piazza S. Pietro a Roma. Si tratta di un albero alto 33 metri, proveniente dall'Austria, di circa 120 anni che è stato donato al papa ed al Vaticano.

Non sono un esperto di questioni forestali, ma devo dire che questa tradizione mi sembra decisamente assurda. Un abete di 120 anni è un monumento vegetale cui viene tolta la vita per un capriccio...

Gli alberi non sono degli oggetti, ma sono degli esseri viventi cui si dovrebbe sempre portare rispetto. Recentemente ho letto un bellissimo libro di J. Brosse "Mitologia degli Alberi" (che consiglio caldamente a tutti) dove l'autore riesce a restituire una dignità antica, tradizionale e mistica a questi esseri minacciati direttamente dalla follia criminale dell'economia dello sfruttamento dell'uomo.

In considerazione della grande sofferenza che infliggiamo quotidianamente alla Madre Terra, forse un segnale di sensibilità da parte del papa e della Chiesa su questi temi sarebbe stato significativo.

Questa tradizione del Vaticano quindi mi disturba e mi sembra decisamente fuori luogo...

venerdì 12 dicembre 2008

Crisis and Recession: but not in the same way for all


Everyday we receive alarming news about the implications of the current economic crisis and recession both for Italy and at international level. Yet the effects of this crisis are not equally distributed throughout the various social components.

After decades during which the italian as well as the international industrial and financial sectors raked huge profits without investing anything in innovation and competitive interventions, after the Eldorado times, now everyone minds only his own business even claiming the state rescue and support. I've got in my mind the case of the american car industry which could be extended also to many italian firms: just take a look to the famous Michael Moore's movie "Roger & Me" to see how the things have gone till now.

As in this movie, the major impact of the crisis is louded on the shoulders of the weakest social sectors. Everyday life has become extremely hard for some social groups while things are going rather differently for others. The increasing number of luxury cars and SUV circulating in the streets can confirm this; on the one side there are those categories which can exploit this economic phase increasing prices (thus having the possibility to buy luxury cars and goods) while others, without having any protection tool, suffer these prices' increases being unable to pay loans, motgages and even everyday food.

The main victims of this mechanisms are the employees and workers having to pay the growing economic costs of this crisis in terms of increase in food and energy prices and the demolition and politicization of the welfare state (education, health, security, public services, etc.). Firings and reductions in purchasing power are suffered by these workers while big managers can survive thanks to their past revenues and profits.

In Italy, the imagine of the fixed terms workers, fired workers or people with their job continuosly at risk, highly collide with the immagine of the growing fiscal evasion, to which italian politicians are reacting with mild o zero measures. Similarily, it is extremely difficult to attend to the economic lessons based on sacrifices made by these politicians who never extend these sacrifices to themselves.

The only remedy to cope with this crisis and recession is an economic policy based on justice and equity: italian government is persisting in oppressing the politically weakest social groups instead of corroding ossified interests. This crisis and the increases in prices are not a problem for the richest categories but are a dramatic issue for low income people. The problem is that in Italy the political relevance of these categories is close to zero...

Thus the main problems of this crisis are not linked to economy per se: the main problem is rather injustice in the distribution of the consequences the economic crisis.

In conclusion, an economic policy capable to equally distribute the effects fo this crisis is extremely urgent. This means a real fight against tax evasion and increasing also the fiscal pressure on the richest social classes (with a paralle reduction of the fiscal pressures on the poorest ones) to achieve a more balanced distribution of crisis' impacts.

Italian politicians are however too distant from the everyday problems of a common family to understand this...


Crisi e Recessione: sì. ma non per tutti


Ogni giorno sentiamo notizie allarmanti circa le implicazioni della crisi economica e della recessione sia per l'Italia che a livello internazionale. Eppure il peso di questa crisi non è distribuito in modo uniforme attraverso le varie componenti della società. Dopo anni durante i quali ampie fette dell'imprenditorialità e del mondo finanziario nazionale ed internazionale hanno rastrellato notevoli profitti senza investire un soldo in innovazione e sviluppo competitivo, finito il periodo delle vacche grasse, adesso si tirano i remi in barca (anzi nello yacht per essere più precisi). Mi viene in mente il caso dell'industria automobilistica americana: bisognerebbe andare a rivedere il celebre film di Michael Moore "Roger & Me" per capire come si è proceduto fino ad oggi.

Come si vede chiaramente in questo film. il peso della crisi e della recessione viene di fatto scaricato sulle spalle delle componenti più deboli della società. La nostra esperienza quotidiana ci indica che per alcune categorie sociali la vita quotidiana è diventata difficilissima mentre per altri le cose devono andare ben diversamente. Il tutto è confermato dal numero sempre maggiore di auto di lusso e di SUV in circolazione: ciò dimostra in pratica che da una parte ci sono quelle categorie che possono approfittare della crisi e della recessione agendo sulla leva dei prezzi (ed acquistare auto e beni di lusso), mentre altri, non avendo alcuno strumento di tutela, non riescono a pagare l'affitto di casa o il pane.

La componente-vittima del sistema è il lavoro dipendente che subisce gli aumenti inguistificati dei prezzi dei prodotti alimentari e che subisce gli effetti della demolizione e politicizzazione dello stato sociale (scuola, università, sanità, servizi pubblici, ecc...). In questo settore si concentra la scure dei licenziamenti e della continua riduzione del potere d'acquisto.

Di fronte ai precari o ai tanti lavoratori licenziati o a rischio di licenziamento appare veramente insopportabile l'immagine della crescente evasione fiscale, nei confronti della quale si interviene in modo nullo o minimo; è altrettanto insopportabile assistere alle lezioni dei politici che impongono sacrifici agli altri senza imporli a loro stessi...

L'unico rimedio contro la crisi e la recessione è una politica economica fondata sulla "giustizia" e sull'equità: ci si accanisce contro le fasce della società politicamente meno protette invece di cominciare ad intaccare gli interessi ossificati. La crisi e gli aumenti nei prezzi non rappresentano di certo un problema per le categorie più benestanti, ma sono un dramma per chi dispone di redditi medi o bassi. Il problema è che il peso politico di queste categorie sociali è oggi pressochè nullo...

Il nodo principale di questa recessione non è tanto quello collegato alle tematiche economiche di per sè: il nodo principale consiste nell'ingiustizia ovvero nell'iniqua distribuzione degli effetti di questa crisi.

In sostanza serve una politica economica che distribuisca in modo equo il peso della crisi e della recessione; questo vuole dire far pagare finalmente le tasse a chi non le paga e non le ha mai pagate e far pagare di più a chi consuma di più con un carico fiscale maggiore per i redditi più alti ed alleggerire la pressione fiscale per le fasce più deboli.

La nostra classe politica è però troppo lontana dai problemi quotidiani di una famiglia o dei pensionati per poter capire tutto questo...

martedì 9 dicembre 2008

Stodgy Meat (not only for dioxin but also...)


The latest news about food contamination, after BSE and aviar-flu, are now biased on pig and cow meat from Ireland contaminated by dioxin. The experts are insisting that the contamination involves just limited amount of meat and that the risks are limited as well. But they are missing the point.

On this blog, I have always tried to support and describe an idea of agricultural and livestock production to be opposed to the conventional one based on industrial approaches. I have thus always supported the idea of organic agriculture and any other kind of sustainable approach (also from traditional practices) as essential precondition not only for preserving environment but also our health.

This recent case of contamination confirms again that industrial approaches to meat (and other food) production must be revised as well as our models and quantity in food consumption.

First. Livestock production should be based on a de-congestion of those areas characterized by high livestock intesity: big breeding plants are maybe economically cost-effective for their economies of scale but animal deseases may quickly spread, rapidly infecting thousand of animals. These structures are environmentally unsustainable too: it has been calculated that 15% of the whole quota of methane introduced in the air comes from cows, sheeps and pigs: this percentage surely will soar with the parallel increases in meat consumption.

New breeding methods are thus urgently necessary as well as new consumption practices in opposition to the present irrational agricultural and livestock production activities.

Second. We, as consumers, have the right to impose traceability to all food products. We have the right to know the entire course a food have made before arriving in our dishes: this condition is necessary not only to consumers to be adequately informed but also to producers to increase their responsability levels because they can be clearly identified.

Third. We must reduce the physical, psychological and cultural distance between production and consumption because it is necessary that consumers have the possibility to know directly who has produced the food they eat.

For this reason, in this blog I have always supported the idea of farm shops as critical tool to build an effective alliance between consumers and farmers towards more intelligent and aware forms of food consumption on the base of the principle: consuming less, consuming better.

A reduction of meat consumption represents a critical steps which all of us can make: everyone can provide his contribution, with intelligent consumption styles and healthier food choices, towards sustainable development strategies based on organic agriculture and local products. For the benefit of all.

lunedì 8 dicembre 2008

Carne indigesta (non solo per la diossina...)


Si tratta dell'ennesimo caso di contaminazione alimentare. Dopo la BSE e l'influenza aviaria questa volta è il turno della carne di maiale (ed anche bovina) di provenienza irlandese contaminata da diossina. La carne, importata in Italia alcuni mesi fa, è stata impiegata principalmente, dicono, per preparati alimentari come ad esempio farciture e ripieni in quantità relativamente limitate. Gli esperti rassicurano che i rischi sono minimi: ma non è questo il punto.

Su questo blog ho sempre cercato di proporre un'idea alternativa di agricoltura e di zootecnia che sostanzialmente si oppone all'idea di agricoltura e zootecnia basati su approcci di tipo "industriale". Il recupero di pratiche agricole e zootecniche sostenibili è una precondizione essenziale non solo per la tutela dell'ambiente, ma anche per la difesa della nostra salute.

Gli approcci industriali alla produzione della carne devono essere rivisti, così come è necessario addivenire ad un sostanziale calo nei consumi di carne.

Primo. In zootecnia è indispensabile in primo luogo conseguire un decongestionamento delle aree ad alta densità zootecnica: i grandi allevamenti magari sono convenienti da un punto di vista economico perchè attivano notevoli economie di scala, ma queste alte concentrazioni di animali permettono una rapidissima diffusione di malattie che possono rapidamente contagiare migliaia di animali. Questi allevamenti sono insostenibili anche da un punto di vista ambientale: è stato calcolato che circa il 15% del metano immesso nell'atmosfera proviene da mucche, pecore e maiali, una percentuale che è destinata a crescere parallelamente all'incremento dei consumi di carne.

Servono quindi modalità di allevamento appropriate, dei consumatori consapevoli e una ridistribuzione del patrimonio zootecnico sul territorio così da impedire uno svolgimento talora irrazionale delle attività agricole e zootecniche.

Secondo. Come consumatori abbiamo il diritto di estendere la tracciabilità anche alle carni suine (che al momento sono escluse da questo strumento): abbiamo cioè il diritto di conoscere il percorso seguito da un prodotto alimentare e chi sono stati i soggetti che hanno contribuito alla sua formazione (da estendersi anche all’import/export, così come ai fornitori degli ingredienti). Questo strumento serve non solo al consumatore per avere queste informazioni, ma serve principalmente a responsabilizzare gli attori che concorrono alla formazione del prodotto poiché permette la loro riconoscibilità e identificazione.

Terzo. E' indispensabile che si riduca la distanza fisica, psicologica e culturale fra produzione e consumo perché è necessario che i consumatori abbiano la possibilità di conoscere direttamente chi ha prodotto gli alimenti.

Per questo motivo, questo blog ha sempre sostenuto l'idea della filiera corta come strumento critico per la costruzione di un’alleanza effettiva fra mondo della produzione e quello dei consumatori in direzione di forme di consumo alimentare più intelligente e consapevole il cui principio deve essere: consumare meno, consumare meglio.

Allo stesso modo una riduzione nei consumi della carne rappresenta un passo altrettanto importante che tutti noi possiamo fare: tutti quindi possono dare il proprio contributo ad indirizzare, con stili di consumo intelligenti e con scelte alimentari più sane e consapevoli, il passaggio verso strategie di sviluppo economico complessivo realmente sostenibili e verso l’agricoltura biologica ed i prodotti locali.

venerdì 5 dicembre 2008

Catholic schools' public financing in Italy: an expected farce

This morning I have read a new about a declaration of the bishop Bruno Stenco, director of the national office of the italian bishops' conference for education, school and university, on a possible mobilization within the italian catholic schools against the cuts included in the State Budget Law to be extended also to catholic schools. Bruno Stenco has also declared that italian catholic schools are expecting more financial support instead of cuts. Maybe did the honeymoon between catholic church and the italian government arrive to an end?

Seriously? Could it be possible?

This modest reaction of a secondary figure of the italian bishops' conference has immediately provoked a general panic within the italian government which has been forced to soon repair the offence caused to Vatican. The vice-minister for economy Giuseppe Vegas has soon declared that funds to catholic schools "are immediately restored". Vegas has also said that "there is an amendment to restore the original funding levels, that is 120 million Euros. Catholic schools have no reason to be worried".

If I think about these recent months of intense protests and mobilization activities made within the italian public education, research and university systems against the relevant cuts in public investments towards these strategic sectors (which I always highlighted in this blog) which have not provoked any sign of rethinking in italian government, this quick obeisance of italian politicians to catholic church (at the moment I have not noticed any form of reaction even in the opposition parties yet) offend us and insult us.

We all should deeply reflect on the squalor and shabbines of the entire italian political class...

What a shame...

Finanziamento Pubblico alla scuola cattolica: una farsa annunciata

Giusto questa mattina era circolata la notizia delle dichiarazioni di mons. Bruno Stenco, direttore dell'ufficio nazionale della conferenza episcopale italiana per l'educazione, la scuola e l'università, circa una mobilitazione delle scuole cattoliche a fronte dei tagli previsti dalla legge finanziaria anche nei confronti delle scuole cattoliche. Bruno Stenco aveva inoltre dichiarato che da questo governo ci si aspettavano incrementi e non tagli ai finanziamenti. Si era forse aperta una crisi fra il governo italiano e la chiesa cattolica?

Come non detto!

E' bastata una modesta reazione di una figura nemmeno di primo piano della Cei per provocare l'immediato gesto riparatorio del nostro governo a fronte dell'offesa subita dal Vaticano. Il sottosegretario all'Economia Giuseppe Vegas ha subito dichiarato che i fondi per le scuole cattoliche ''vengono ripristinati''. Vegas continua: ''C'e' un emendamento del relatore che ripristina il livello originario, vale a dire 120 milioni di euro. Possono stare tranquilli, dormire su quattro cuscini''.

Se si pensa ai mesi di intensissima attività di protesta e mobilitazione che hanno attraversato la scuola pubblica, il mondo della ricerca e dell'università contro i notevoli tagli agli investimenti pubblici in questi settori strategici (che ho sempre evidenziato in questo blog) che non hanno suscitato alcun segno di ripensamento da parte del governo, la rapidissima prostrazione della nostra politica nei confronti della chiesa cattolica (al momento non ho notato segni di reazione nemmeno da parte delle forze di opposizione) non possono che farci indignare profondamente e farci riflettere sullo squallore e meschinità della nostra intera classe dirigente.

Vergogna...

Ancora contro la speculazione edilizia a Viterbo

Pubblico di seguito la bella nota scritta dall'amico Antonello Ricci sull'importante vittoria dei cittadini viterbesi contro la speculazione edilizia. Antonello è stato uno degli artefici principali di questo importante risultato.


Da Oggi le Nuvole sull'Arcionello Sono Più Belle

A ripensarci oggi, non sembra neanche vero.

Quel giorno, prima della partenza, frugai nel tascapane: avevo solo un mio libretto di poesie sull'Arcionello, pochi e nudi versi, composti e pubblicati in tempi non sospetti. E qualche rigo di Bianciardi, Calvino, Pasolini.

Mi sentivo addosso l'innocenza di Don Chisciotte e la malizia di Peter Pan. Tutto qui. Nient'altro, lo giuro. L'Arcionello non esisteva più, scomparso da decenni dalle carte urbanistiche e dalle mappe dell'immaginario e della memoria civica. Le ruspe erano tornate per cancellare la valle. Nessuno sembrava darsene pensiero.

Voglio essere sincero: in quel limpido mattino d'ottobre, più limpido e più bello perché nella notte era piovuto, pensavo che saremmo stati quattro gatti. I soliti quattro gatti. E invece. Mi voltai per dare il via alla prima passeggiata-racconto e trovai ad accogliermi una folla di sguardi e di sorrisi. Dolci e intensi, gioiosi e rigorosi. Eravamo uomini schietti. Eravamo donne belle e orgogliose.

Eravamo vecchi pieni di saggezza. Eravamo bambini sognanti. Eravamo cittadini viterbesi. E del mondo. Eravamo una magica miscela di intelligenza e di creatività, di voglia di combattere giocando, sognando. E siamo partiti.

Abbiamo protestato. Ma poi, e soprattutto, abbiamo studiato, esplorato, progettato, proposto e dialogato. Sembrava una battaglia impossibile. Sembrava che avessimo sfidato le montagne. E invece. L'impossibile è accaduto. Abbiamo vinto. Da oggi l'Arcionello è un Parco. Da oggi l'Arcionello è Legge.

In questa città, bellissima e infelice come Cenerentola, non era mai accaduto. Che un pugno di cittadini pieni di ardore e di passione fermasse la classe dirigente e la convincesse ad ascoltare il gorgoglio d'un fosso, la voce del genius loci.

A uscire per una volta dai teatrini del Palazzo e del Potere. A mettersi le scarpe da trekking e a scendere con noi giù nella valle. A riscoprirla nella sua pittoresca bellezza. A incidere un segno nuovo e diverso, importantissimo, nella controversa e sofferente storia urbanistica di Viterbo.

Sono passati cinque anni da quel giorno. Intanto ognuno di noi moriva e rinasceva mille volte, perché la vita è incessante trasformazione. “Meravigliosa straziante bellezza del creato”, direbbe il Totò di Pasolini.

Da oggi le nuvole sull'Arcionello sono più belle. Sono il passato che torna e si trasforma. Sono il futuro atteso come un dono. Da oggi i “guerrieri” di una delle più belle battaglie che questa città abbia mai combattuto sono più stanchi. Ma anche più felici. Viterbo è più felice.

Anche il piccolo poeta è stanco. Torna a seppellire l'ascia di guerra. Impugna il calumet della pace. Coccola i suoi adorati figli. Sogna la sua Giglio Tigrato. E se ne torna nella sua casetta. Torna a scrivere libri, tenere conferenze, recitare a teatro. Viterbo ha il suo Parco. Finalmente.


mercoledì 3 dicembre 2008

The city of Viterbo defeats construction speculation (once in a while...)

With great pleasure, I publish the following press note of Legambiente (Environmental Association) - City of Viterbo

A great day for Viterbo



Viterbo (central Italy) is the city of water, fountains, thermal baths having also one of the most beautiful historical city centre of Europe. Viterbo finally has conquered its Park, a Natural Regional Wildlife Reserve of the Arcionello Valley: 400 hectares where planning a new story of legality and valorisation.


This is a great opportunity, even before being an extraordinary victory of the free people of Viterbo and their association which, during the last five years, have been committed to this aim with many initiatives, meetings, workshops, etc.


This result has been achieved also thanks to the firmness and competence in some public administrators of the Lazio Region Offices.


This is an extraordinary example of real participation in the history of the city of Viterbo.


Legambiente submitted its first proposal to rescue this valley about 20 years ago and many times Legambiente was about to surrender in front of the power of speculators. Legambiente keeps on considering unacceptable the Integrated Plan supported by the former Major of Viterbo, even in its reduced form, which covered with a wave of cement the most beautiful valley of Viterbo, the last one still free from construction speculation, passed as a recovery intervention.


Now a new phase will begin. Let's build together the Natural Reserve: starting from a new central role for the ideas and initiatives from associations, schools, people. This will be a great laboratory, a special opportunity to reconstruct the imagine of the city of Viterbo, rediscover its historical roots and build real participation actions.


While expressing great satisfaction for the achievement of this result, Legambiente intends to remind the widening of the Natural Wildlife Reserve Area in the Lake of Vico. This is another extraordinary moment for the entire Province of Viterbo. We hope that all this may represent a new season for the protection and valorisation of our environmental heritages.


Well done!!!



A Viterbo sconfitta la speculazione edilizia (una volta tanto...)


Con grandissimo piacere pubblico il seguente comunicato di Legambiente-Viterbo



Un grande giorno per Viterbo


Viterbo, la città delle acque e delle fontane, delle terme e del centro storico tra i più belli d'Europa ha finalmente il suo Parco, la Riserva Naturale Regionale Valle dell'Arcionello: 400 ettari su cui disegnare una nuova storia di legalità e valorizzazione.

Una grande occasione prima ancora che una straordinaria vittoria delle cittadine e dei cittadini, delle tante associazioni – a partire dal Coordinamento per l'Arcionello - che negli ultimi cinque anni si sono impegnati in iniziative, manifestazioni, convegni, passeggiate, incontri, tavoli tecnici.

Grazie anche alla fermezza e alla competenza degli amministratori regionali.

Un esempio unico di reale partecipazione nella storia del capoluogo viterbese.

La prima proposta di Legambiente risale a oltre 20 anni addietro e molte volte ci siamo dovuti arrendere di fronte allo strapotere degli speculatori.

Continuiamo a sostenere sbagliato il Piano Integrato voluto dal l'ex sindaco Gabbianelli, anche nella sua forma ridotta che copriva di cemento la più bella, l'ultima valle di Viterbo. Altro che intervento di riqualificazione.

Ora comincia una nuova fase.

Costruiamo insieme la Riserva che vogliamo: a partire da un nuovo protagonismo delle amministrazioni provinciale e comunale, concedendo spazio alle idee delle associazioni, delle scuole, dei cittadini, del Coordinamento per l'Arcionello.

Una grande laboratorio, una occasione imperdibile per rilanciare l'immagine di Viterbo, per riscoprirne le radici storiche e per costruire percorsi di vera partecipazione.

"Ma mentre esprimiamo soddisfazione per l’Arcionello, ricordiamo anche l'altro provvedimento adottato oggi in Consiglio Regionale: l'ampliamento della Riserva del Lago di Vico alla sponda di Ronciglione. Un altro momento storico per tutto il comprensorio dei Cimini - sottolinea il Presidente di Legambiente Viterbo Pieranna Falasca - a osservare bene infatti, quello che oggi è possibile riscontrare di fatto è l'esistenza del grande Parco dei Monti Cimini: un comprensorio protetto che da Viterbo arriva a toccare il territorio di Ronciglione.

Speriamo sia davvero l'inizio di una nuova stagione per la salvaguardia e la valorizzazione di questo grande patrimonio verde ".


Ben fatto!!!

martedì 2 dicembre 2008

The Prejudices' church

France will present to UN, on behalf of the 25 member States of the European Union, a proposal for a decriminalization of homosexuality. Everyone of course may discuss about the contents of this proposal and any observation and comment added to this debate is obviously an useful contribution within a positive and constructive discussion.

Yet the motivations with which the Vatican has rejected this proposal cannot be absolutely accepted.

According to the Vatican, the danger that "the States not acknowledging the unions between same sex persons as 'marriage' can be internationally pilloried and subjects of pressures".

What clearly emerges from this statement, is that the problem for the catholic church mainly consists of avoiding embarassment, deriving from this proposal's approval, for those States having discriminatory laws against omosexuals rather than eleminating these forms of discrimination.

I repeat that here it is not important to discuss about homosexuality: I believe that the persons' private affaires, their choices, their decisions must remain private affaires which cannot be regulated through criminalizations or discriminations.

What I would discuss here is the emerging, as confirmed by this statement, of the usual rearguard battle of the catholic church against any laic expression of Europe and the European citizens through the usual muddy confusion between the concept of "crime" and the concept of "sin". A rearguard battle the catholic church has always fought, and is still fighting, against any form of "diversity": against homosexuals, against women, against the Nature, against the differently believers, against science, against contraception, against other cultures, etc. Against, against, against, always against.

The catholic church is confirming not to be close to who, suffering the discrimation effects of cultural and legal prejudices, is forced to live homosexuality as a "tragedy" or as a dramatic experience as usually happens in Italy.

The catholic church is confirming is usual choice preferring to stay close to those fomenting these prejudices and to the political parties which are expression of these prejudices.

The catholic church is preferring to be a source of prejudices itself intsead of interpreting the experiences of millions of persons (often catholics)

The catholic church is working hard against same-sex unions, but it is silent in front of mafia's crimes or the degradation of Mother Earth.

The media silence accompanying this statement makes clear that the catholic church and the italian political forces in line with the vatican strategy, are essentially engaged to defend a hypocrite idea of family and sexuality where prejudices and formal appearance overcome any critical reflection about personal ethic responsibility and the real meaning of the concept of "family union".

La chiesa del pregiudizio


La Francia presenterà all'ONU, a nome dei 25 Paesi della Unione europea, una proposta di depenalizzazione dell’omosessualità. Sui contenuti di questa proposta si può ovviamente discutere ed ogni osservazione e commento che si aggiunge costituisce naturalmente un contributo utile all'interno di un dibattito sano e costruttivo.

Quelle che non si possono accettare sono le motivazioni con le quali il Vaticano ha rigettato tale proposta.

Secondo il Vaticano esiste il pericolo che «gli Stati che non riconoscono l’unione tra persone dello stesso sesso come 'matrimonio' vengano messi alla gogna e fatti oggetto di pressioni».

Quello che emerge da questa affermazione è che il problema per il Vaticano non consiste tanto nell'eliminazione di forme di discriminazione esercitata contro alcune persone, ma, con l'approvazione di questa proposta, si pone il problema di come risolvere l'imbarazzo di quegli Stati che detengono leggi discriminatorie contro gli omosessuali.

Torno a dire che, in questa sede, non si tratta di entrare nel merito della questione omosessuale: personalmente ritengo che gli affari privati delle persone, le loro scelte, le loro decisioni devono rimanere degli affari privati che non possono essere regolamentati tramite "criminalizzazioni" o discriminazioni.

Quello che discuto in questa sede è l'emergere, come del resto conferma per l'ennesima volta questa dichiarazione, della solita battaglia di retroguardia della chiesa cattolica contro ogni forma di laicità dell'Europa e dei suoi cittadini tramite la solita torbida commistione fra il concetto di "reato" e quello di "peccato". Una battaglia di retroguardia che si combatte contro ogni forma di "diversità": contro gli omosessuali, contro le donne, contro la Natura, contro i diversamente credenti, contro la scienza, contro la contraccezione, contro le altre culture, ... Contro, contro, contro, sempre contro...

La chiesa conferma di non essere vicina a chi, subendo gli effetti discriminatori dei pregiudizi culturali e legali, è costretto a vivere l'omosessualità come un "problema" o come un'esperienza drammatica come avviene comunemente in Italia.

La chiesa conferma la sua solita scelta di campo preferendo di restare vicina a chi alimenta questi pregiudizi e alle forze politiche che di questi pregiudizi sono espressione.

La chiesa preferisce alimentare a sua volta questi pregiudizi invece di interpretare le esperienze di milioni di persone (spesso anche di fede cattolica).

La chiesa si adopera molto contro le unioni omosessuali, ma tace di fronte ai crimini della mafia o al degrado della Madre Terra.

Il silenzio mediatico che ha accompagnato questa dichiarazione fa capire chiaramente come la chiesa e le forze politiche nostrane allineate alle strategie vaticane, si preoccupino molto di difendere un'idea di sessualità e di famiglia ipocrita dove i pregiudizi e l'apparenza formale contano di più di qualsiasi riflessione critica sulla responsabilità etica della persona e sul contenuto reale del concetto di "unione familiare".

Ogni ulteriore commento mi pare superfluo...


lunedì 1 dicembre 2008

Hopes from Poznan

On dec. 2nd will start in Poznan (Poland) the World Conference on Climate Change. Many hopes are focused on this event considering that our economies and lifestyles are continuosly increasing CO2 emissions as ever. In the period 2000/2006 CO2 emissions, according to an UN report, have increased for a +2.3%: in spite of the Kyoto protocol. So, many congratulations to Germany which has reduced emissions (-18.2% ), thanks also an efficient photovolatic campaign, UK (-15.1%) and France (-3.5%).

A big boooo boooo then to USA (+14.4%), Finland (+13.2%), Norway (+7.7%) and above all Italy (+9.9%).

I think that the hopes to revert this situation, making something really concrete, are essentially linked to the new American President who could make really his motto "Change, We Can" work in this field, abandoning the disastrous strategy adopted by the previous administration so far. A further hope is that other Governments will seek his example.

With regards to Italy, I don't believe actually that something will change: environmental issues are not a priority for italian government as well as for the majority of italians. The economic decrease, following the recent financial crisis, may represent an opportunity both for a reduction in CO2 emissions (for a parallel reduction in production and consumption) and for the definition of new productive opportunities linked to "sustainablity". On the contrary, in Italy, instead of exploiting of the present situation for a reconversion of the production base towards green options, becoming competitive in the future scenarios, instead of reducing no-use consumption styles linked to trasportation of goods on long distances and preferring local goods, government is suggesting to slaken environmental limits to support firms and their productions: in the same way consumers are invited to consume and buy more!! Economy has to prevail over environment.

Fortunately the reduced incomes for many italian families probably will push toward wise forms of private expenditures.

I think that, considering the myopia and incompetence of our political class, it is up to us, powerless people, through our everyday choices, to protect our future and the quality of our lives.

Do not allow that someone who spends his time in his luxury "Buen Retiro" will decide about our health.

Do not wait for someone else intervention on your behalf: rather let's give a positive lesson of wisdom, ethics and foresight to those not capable to have these values...

Le Speranze di Poznàn


Dal 2 al 12 dicembre inizia a Poznàn in Polonia la Conferenza Mondiale sui Cambiamenti Climatici. Tante speranze confluiscono in questo appuntamento considerato che mai come ora le nostre economie ed i nostri stili di vita stanno immettendo quantitativi così massicci di CO2. Dal 2000 al 2006, secondo il rapporto ONU, le emissioni di CO2 sono aumentate del 2.3%: alla faccia del protocollo di Kyoto. E allora complimenti ai tedeschi che hanno diminuito le loro emissioni del 18.2% (ottima per esempio la campagna sul fotovoltaico), ai britannici (-15.1%) ed ai francesi (-3.5%).

Un colossale booo allora agli USA (+14.4%), alla Finlandia (+13.2%), alla Norvegia (+7.7%) e soprattutto all'Italia (+9.9%).

Le speranze che si possa fare qualcosa di concreto a Poznàn credo che si possano legare al nuovo presidente USA che potrebbe veramente concretizzare il suo motto "Change, We Can" in questo campo ed abbandonare la disastrosa strategia finora adottata dalla precedente amministrazione. L'ulteriore speranza è che altri Governi possano seguire il suo (auspcabile) esempio.

Per quanto concerne l'Italia, non credo che ci si possa illudere più di tanto: le tematiche ambientali non sono una priorità nè per il governo, nè per tanti nostri concittadini. La decrescita può rappresentare un'opportunità sia per una contrazione delle emissioni di CO2, a causa della riduzione delle produzioni e dei consumi, sia per l'individuazione di opportunità produttive legate alla "sostenibilità". In Italia, al contrario, invece di approfittare della congiuntura e riconvertire la nostra base produttiva verso produzioni "verdi" ed essere pronti ad essere più competitivi nel prossimo futuro, invece di ridurre i consumi inutili e legati ai trasporti e alla grande movimentazione di merci e privilegiare le produzioni locali, si sente dire che è necessario allentare i vincoli ambientali per sostenere le imprese e le loro produzioni: allo stesso modo si invita i cittadini a consumare di più!! L'economia deve prevalere sull'ambiente e sul futuro delle prossime generazioni.
Fortunatamente (si fa per dire) il ridotto potere di acquisto di tante famiglie italiane dovrebbe spingere molti consumi verso forme "sagge" di spesa.

Rimango sempre dell'idea, che, vista la miopia e l'incompetenza della nostra classe politica, spetta a noi cittadini senza potere, con le nostre scelte quotidiane, tutelare il nostro futuro e la qualità della nostra vita.

Non facciamo decidere della nostra salute a qualcuno che passa gran parte del suo tempo nel suo "buen retiro" di lusso...

Non aspettiamo che gli altri facciano qualcosa al posto nostro: anzi diamo una bella lezione di saggezza, etica e lungimiranza a tutti quelli che questi valori non sembrano conoscerli...

venerdì 28 novembre 2008

The Bank of The Tales

As usual on Friday, I write this post about an interesting "local" initiative. This is an important event directed to protect and promote some relevant aspects of local communities' culture. In these years of existential desertification, these initiatives help us to make us feel still alive...







The Bank of the Tales - Next meeting at Cellere (Province of Viterbo) Sunday nov. the 30th

Alfonso Prota and Antonello Ricci will introduce "Vincenzo Gioiosi - When the Things are telling a story": a story telling and rural meal at the hut of the shepherd Cencio (Torn) with a visit to the Bandits' Museum.


Vincenzo "Torn" Gioiosi: when the things are telling a story...
Vincenzo "Torn" Gioiosi was born in 1941 and when he was 6 he worked in the moor to pasture cows. He was born in a peasant family considered a lucky family because they ate bread everyday. But good luck had to be gained and the "fairytale was always the same: in windy, rainy or snowy days ... always to the moor one had to go!".

Vincenzo has been told just few stories, but he can speak about Boccaccio, Dante, Homer, Voltaire... about given, bought or forgotten books... Try to ask Torn if he loves to tell stories: he will reply that only a foolish man cannot love to do it...

What is the Bank of the Tales

The Bank of the Tale is a project working on the identities of our territory and landscapes starting from the local stories' heritages. The mission is to give local community back the stories' heritages collected.

Local story tellers are directly involved in the planning phases and in the concrete implementation and construction of initiatives directed to give these heritages back to local communities.

La Banca del Racconto


Come spesso mi capita di fare di Venerdì, dedico questo post ad un'interessante iniziativa "locale". Si tratta di un evento importante diretto a tutelare e promuovere alcuni aspetti importanti della cultura delle comunità locali. In questi anni di desertificazione esistenziale queste iniziative ci aiutano molto per farci sentire ancora in vita...



BANCA DEL RACCONTO - appuntamento a Cellere (provincia di Viterbo) domenica 30 novembre

L'appuntamento è per le 12.30 di domenica 30 novembre, in piazza del Comune.

Alfonso Prota e Antonello Ricci presenteranno "Vincenzo Gioiosi, quando le cose raccontano". Narrazioni e braciolata presso la capanna del Pastore Cencio. A seguire (ore 15.30), visita guidata del Museo del Brigantaggio a cura di Marco D'Aureli e degustazione di prodotti tipici.

La Banca del Racconto è un'iniziativa dell'associazione culturale Percorsi, realizzata con il contributo dell'assessorato alla cultura, turismo e sport della Provincia di Viterbo e della Regione Lazio.

L'iniziativa cellerese è organizzata in collaborazione con il Museo del Brigantaggio.

L' iniziativa è gratuita.


Vincenzo "Cencio" Gioiosi: quando le cose raccontano

Le parole sono cose da trasformare. Le cose raccontano.

Vincenzo "Cencio" Gioiosi nel 1941, a sei anni, è già "...'nde le maremme a governà le vacche". È così piccolo che ha bisogno di salire in piedi sulla mangiatoia. La sua è una famiglia contadina di quelle fortunate, che il pane ce l'aveva. Ma la fortuna andava guadagnata e "la filastrocca era sempre quella, cor vento, pioveva, fioccava...sempre là pe' le maremme bisognava stà..."

Creare, trasformare, manipolare... cose che Vincenzo ha dentro da sempre. Anche scavare una buca per terra diviene atto creativo. È impossibile non saper fare una cosa. Si può, si può... adesso. Con tutto ciò che capita a tiro...

Di storie a lui ne hanno raccontate poche, ma parla di Boccaccio, della Commedia, dell'Odissea e Voltaire, di libri regalati, comprati e buttati sul sedile della macchina, sempre pronti per essere sfogliati. Provate a chiedere a Cencio se ama raccontare, risponderà che è pazzo chi non ama farlo...


Che cos'è la banca del Racconto

Il progetto "Banca del Racconto" lavora sulle identità del nostro territorio e dei suoi paesaggi a partire dai suoi patrimoni narrativi. L'obiettivo è restituire alle comunità interessate i patrimoni narrativi raccolti con l'interesse di un buon tasso di sociabilità dei saperi.

La peculiarità del progetto è che i narratori locali partecipano da protagonisti, sotto la regia degli operatori-tutor, anche alle fasi di progettazione e di concreta realizzazione della restituzione alle comunità.


mercoledì 26 novembre 2008

An Indecent Society: Violence Against Women


Ipazia, Martyr of Fanaticism

In this blog I'm trying to assume the concept of "Decent Society" as fundamental key-factor at macro and micro (local) level, that is a Society based on the idea of "respect" (towards people, Nature, environment, traditions, cultures, etc.) and awareness within the communities which compose this society.

For this reason, I do want to remember with this post that nov. 25th has been indicated by the UN General Assembly as the International Day for the elimination of violence against women.

I don't want to discuss here about general issues and principles or cite particularly relevant fact. For this aim, there is a heap of opinion leaders, media and blogs surely more important and authoritative than this blog.

My mind is going to those many important and less important cases of abuse against women everyday happening in places where this violence is perpetrated in silence, in the fear of prejudices and in the understimation because considered "low profile events".

These "low profile events" happen everyday around us not involving "anonymous" individuals but rather involving often men and women living very close to us.

A community tolerating any form of (physical and psychological) violence against women is an "indecent" community composed of "indecent" subjects. There is no religious absolution or justification when someone claims the proposal to render another person an "object" also conving this person to be as such: an object which can be used, exploited and thrown away.

Respect must be based on dignity: when women are deprived of dignity (in their everyday life, in politics, in religion, in society, etc.) then also respect will cease.

"There is no way to oppress those women convinced of their dignity, sometimes offended but not-annulled but rather reinforced often by injuries and frustrations."
(Wanda Montanelli)

My thoughts thus are directed to those are involved in this fight, as the Antiviolence Centre "Erinna" in Viterbo", having often the opposition of male politicians (who hamper in any way the female presence in institutions and who support these battles only on "paper"), scarce financial resources, adverse economic models (women usually are the first victims of unemployment and always find major difficulties when starting a new activity as entepreneur) and a culture, frequently catholic inspired, which, by definition, is sistematically against women.

Remebering the Ipazia's sacrifice...

Una Società Indecente: la Violenza contro le Donne

Ipazia, Martire del Fanatismo


In questo blog ho sempre cercato di portare avanti un concetto di società "decente", sia a livello macro che micro (locale), ovvero fondata sull'idea di rispetto (per le persone, i luoghi, la natura, i simboli, le tradizioni, le culture, ecc...) e di consapevolezza all'interno delle comunità che la compongono.

Per questo motivo voglio con questo post ricordare che il 25 novembre è stato indicato dall'Assemblea Generale dell'ONU alla giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

In questa sede non voglio discutere di questioni e principi generali o fare riferimento a notizie di cronaca particolarmente eclatanti. A questo ci pensano opinionisti, organi di informazione e blog decisamente più importanti ed autorevoli di questo. La mia mente va invece ai tanti piccoli e grandi episodi di abusi contro le donne che quotidianamente si verificano in aree dove questa violenza avviene nel silenzio, nella paura dei pregiudizi e nella sottovalutazione generale perchè vengono considerati "fattarelli".

Questi "fattarelli" avvengono intorno a noi e spesso non riguardano degli altri "anonimi", ma persone (vittime e carnefici) che ci stanno molto vicino...

Una comunità che tollera qualsiasi forma di violenza (fisica o psicologica) contro le donne è una comunità "indecente" composta da soggetti "indecenti". Non c'è assoluzione religiosa che tenga quando qualcuno si arroga l'idea di rendere un'altra persona un'oggetto fino a farle credere di essere veramente un oggetto che può essere usato, sfruttato e poi buttato via.

Il rispetto deve essere fondato sull'idea di "dignità": quando alle donne si sottrae la loro dignità (nella prassi quotidiana, in politica, nella religione, nella società, ecc...) allora verrà inevitabilmente meno anche il rispetto.

"Non c’è modo di sottomettere donne convinte della loro dignità talvolta calpestata, ma non annullata, anzi rinforzata spesso da colpi e frustrazioni."
(Wanda Montanelli)

Il mio pensiero va quindi a tutte/i quelle/i che si operano in questo campo, come il Centro Antiviolenza "Erinna" di Viterbo, spesso avendo contro gli "uomini" della politica (che ostacola in tutti i modi la presenza femminile nelle istituzioni e che a parole sono sempre in prima fila in queste battaglie, ma quando si passa ai fatti...), scarse risorse economiche, modelli economici avversi (le donne sono le prime a perdere il lavoro e trovano maggiori difficoltà ad iniziare attività in proprio) ed una cultura, frequentemente di matrice cattolica, che per definizione è sistematicamente contro le donne.

lunedì 24 novembre 2008

When a Public School Collapses

Saturday morning (nov. 22nd) the roof of a public school in Turin crashed killing a student and injuring other 20 students (among them four in severe conditions). We are waiting to see when and how responsibilities and causes will be established. In the meantime everyone has attended in the past, or having recent contacts, any italian school perfectly knows the exact condtions in which italian school buildings all along are.


Italian schools are disgusting!

The problem of the dramatic degrade of school buildings in Italy (which is actually the materialization and the tangible feature of the degrade of the educational system as a whole) is an old issue surely not exclusively indictable to the present government.

What I want to reproach to an entire political class (both right and left wing) is its total, criminal and culpable disregard for our public schools which has been lasting for decades.

We perfectly know that schools, universities and research institutions are not a priority for italian politicians. Similarily, we are aware about the attemps to push public education system to a definitive death. Yet the attempt to estinguish public schools by killing students is completely out of our imagination.

I'll always repeat that the public schools' conditions, as well as other public goods, represent the indicator of the link between the quality of politics and the possibilities to achieve a decent social and economic development that is based on people's respect. The degrade of public schools, even in a material sense, is the materialization of the ethic degrade of an entire political class which always direct public economic resources to grant favours to particular interests, to increase its electoral base, damaging the entire collectivity (in this case even its physical security)

We have had a similar tragedy some years ago also in San Giuliano, a town in Puglia region where 27 children of an elementary schools died after a criminal school re-structuring.

How much are these lives worth for our politicians? Not so much...

While our public schools are collapsing, italian politicians do not renounce to 1€ of their handsome wages and to their no-use privileges

While our public schools are collapsing, these sirs have created a development model in which increases in private incomes are never translated into widespread impovements in the quality of life standards: private richness is going in the opposite direction to social and economic progress.

While our public schools are collapsing, the ethos of "doing my own business" is enhancing and we all know that after the present tragedy moment everything will be as usual waiting for the next tragedy.

In the meantime, some families in Turin, as already happened for many families in Puglia region, are paying the bill of having the wrong politicians...


Il Crollo di una Scuola Pubblica


Sabato mattina è crollato il soffitto di una scuola di Torino provocando la morte di uno studente ed il ferimento di altri venti ragazzi di cui quattro in gravi condizioni. Siamo in attesa che si accertino cause e responsabilità; intanto chiunque abbia frequentato in tempi più o meno recenti una scuola pubblica in Italia sa perfettamente in quali condizioni versino da sempre gran parte gli edifici che ospitano le nostre scuole.

Le scuole italiane fanno schifo.

Il problema della drammatica fatiscenza dell' edilizia scolastica in Italia (che altro non è che l'aspetto materiale e tangibile della fatiscenza dell'intero sistema formativo in termini di contenuti e programmi) è di vecchia data e certamente non può essere imputato esclusivamente al governo in carica.

Quello che si vuole rimproverare ad un'intera classe politica (di destra e di sinistra) che da decenni si sussegue nel panorama politico nazionale è una criminale e colpevole disattenzione. Che la scuola, l'università e la ricerca in Italia non siano delle priorità per questi signori lo sapevamo. Sapevamo anche dei vari tenativi di far morire la scuola pubblica in tutti i modi; ma che addirittura si arrivi a far morire gli studenti è fuori da ogni possibile immaginazione.

Non sarà mai sufficiente ripetere che lo stato della scuola pubblica, così come avviene per tutti gli altri beni pubblici, rappresenta il barometro del nesso fra qualità della politica e possibilità di avere uno sviluppo sociale ed economico "decente" ovvero fondato sul rispetto delle persone. Il degrado della scuola pubblica, anche in senso materiale, è la materializzazione del degrado etico di un'intera classe politica che indirizza risorse economiche pubbliche per garantire favori ad interessi particolari, per alimentare il proprio bacino di voti, a danno della collettiività (in questo caso addirittura della sua incolumità fisica).

Non dimentichiamo quanto avvenuto a San Giuliano di Puglia dove sono morti 27 bambini di una scuola elementare.

Mentre le nostre scuole cadono a pezzi, questi signori non rinunciano ad un Euro di loro lauti stipendi e ai loro inutili privilegi.

Mentre le nostre scuole cadono a pezzi, questi signori hanno creato un modello di sviluppo in cui aumenti dei redditi (privati) non si traducono mai in miglioramenti generalizzati (pubblici) nei livelli della qualità della vita: la ricchezza privata procede in senso opposto al progresso sociale ed economico.

Mentre le nostre scuole cadono a pezzi, si rafforza la filosofia di "farsi solo gli affari propri" e passato lo sdegno del momento tutto tornerà come prima in attesa della prossima tragedia.

Nel frattempo alcune famiglie torinesi, come già avvenuto per tante famiglie pugliesi pagano lo scotto di avere dei politici sbagliati.