martedì 29 settembre 2009

Searching for Italian Research

Next Oct. 5th 2009 a movie titled "Cerca la Ricerca - Searching for Italian Research" will be presented in Rome during a meeting of Science and Research public workers.

This movie is focused on a typical day within some italian public research institutes. Scientific research is a critical sector for a social, economic and cultural development for a society as a whole, but in Italy this sector suffers decades of political indifference which provokes not only financial resources shortages. Basicly italian research is suffering a complete marginalization within the political and public debate: it is not considered a priority or a sector capable to generate material/immaterial richness and high skilled jobs not only by politicians but also by the public opinion at large.

This is the essential core of this film.

Italian scientific research thus is suffering the fact that italian society is fondamentally an anti-scientific society based on an anti-scientific culture where prejudices, superstitions, processions, religious opinions essentially rule. All this highly riverberates its effects also on the quality of political and public debate: just consider the low profile discussions about several sensitive and critical environemntal, health or ethical issues.

We thus need a real cultural revolution: as long as this revolution won't take place, italian research will be perceived as something standing far away or completely useless for the progress of the entire society. After all, without science and education this revolution won't find a necessary cultural humus and any cultural development will be fostered on a rather fragile basis. This is a critical loop which should generate a relevant impasse: on the contrary in Italy this loop is welcome because it creates "not-thinking people, ready to applaud anyone but unable to hold an aware and independent mind.

I suggest the reading of this article (in italian) published on the italian journal MicroMega.

Cerca la Ricerca

Lunedì 5 ottobre 2009 alle ore 10, verrà proiettato il film-documentario “Cerca la Ricerca”. Il film sarà proiettato a Roma nell’Aula Pocchiari dell’Istituto Superiore di Sanità (in Viale Regina Elena n. 299) durante una assemblea nazionale fuori sede dei lavoratori degli enti pubblici di Ricerca.

Il film racconta la cronaca di una giornata passata negli enti pubblici di Ricerca, un settore critico per lo sviluppo sociale, economico e culturale di una società moderna che da decenni, a causa del totale disinteresse dei Governi sia di destra che di sinistra, soffre non solo di una carenza di risorse economiche. A pesare su questo settore è fondamentalmente il totale disinteresse sia della politica che dell'opinione pubblica: la ricerca scientifica italiana non è vista come una priorità, come un settore capace di produrre ricchezza materiale ed immateriale od occupazione altamente qualificata.

La ricerca italiana soffre quindi del fatto che la società italiana, di cui questa classe politica ne è degna espressione, è culturalmente una società anti-scientifica dove regnano i pregiudizi, le polemiche sull'ora di religione, la superstizione, le processioni... Tutto questo si riverbera anche sul dibattito politico e pubblico: come nel caso del bassissimo profilo con cui vengono affrontate nel nostro Paese tante importanti tematiche ambientali, sanitarie o etiche.

Fintanto che non avverrà questa rivoluzione culturale, la ricerca italiana sarà sempre percepita come qualcosa di lontano e di inutile per il progresso della nostra società: del resto se non si investe in ricerca non si può creare un humus necessario per attivare questa rivoluzione. Un bel circolo vizioso che tuttavia rende in termini politici perchè non fa altro che generare dei "non pensanti" pronti ad applaudire questo o quello, ma incapaci di possedere un pensiero critico.

Con buona pace dei migliaia di precari e dei tanti ricercatori impegnati seriamente a fare, nonostante tutto, il loro lavoro.

Con l'occasione leggetevi pure questo articolo apparso su MicroMega.

venerdì 25 settembre 2009

The Earth Overshoot Day

I have read on the italian rural network "Bionieri" that september 25th is the Earth Overshoot Day: it is the day when humanity begins living beyond its ecological means. Beyond that day, we move into the ecological equivalent of deficit spending, utilizing resources at a rate faster than what the planet can regenerate in a calendar year.

All this is happening just while the Pittsburg G20 Summit is starting its activities...

More info: Global Footprint Network

Press release _____________________________________________

What is Earth Overshoot Day?

Earth Overshoot Day marks an unfortunate milestone: the day when humanity begins living beyond its ecological means. Beyond that day, we move into the ecological equivalent of deficit spending, utilizing resources at a rate faster than what the planet can regenerate in a calendar year.

Globally, we now require the equivalent of 1.4 planets to support our lifestyles. Put another way, in less than 10 months, humanity will have used ecological services it takes 12 months for the Earth to regenerate.

Of course, we only have one Earth. The fact that we are using (or “spending” natural capital) faster than it can replenish is similar to having expenditures that continually exceed income. In planetary terms, the results of our ecological overspending are becoming more clear by the day. Climate change – a result of carbon being emitted faster than it can be reabsorbed by the forests and seas – is the most obvious and arguably pressing result. But there are others as well: shrinking forests, species loss, fisheries collapse and freshwater stress to name a few.

What is Overshoot?

Just like any company, nature has a budget -- it can only produce so many resources and absorb so much waste every year. The problem is, our demand for nature's services is exceeding what it can provide.

In 2009, humanity is projected to use about 40 percent more than nature can regenerate this year. This problem -- using resources faster than they can regenerate and creating waste such as CO2 faster than it can be absorbed -- is called ecological overshoot.

We currently maintain this overshoot by liquidating the planet’s natural resources. For example we can cut trees faster than they re-grow, and catch fish at a rate faster than they repopulate. While this can be done for a short while, overshoot ultimately leads to the depletion of resources on which our economy depends.

Humanity first went into overshoot in 1986; before that time the global community consumed resources and produced carbon dioxide at a rate consistent with what the planet could produce and reabsorb. By 1996, however, humanity was using 15 percent more resources in a year than the planet could supply, with Earth Overshoot Day falling in November. This year, more than two decades since we first went into overshoot, because we are now demanding resources at a rate of 40 percent faster than the planet can produce them.

In 2008, Earth Overshoot Day was reached on September 23.

How is Earth Overshoot Day Calculated?

[ world biocapacity / world Ecological Footprint ] x 365 = Earth Overshoot Day Day

Put simply, Earth Overshoot Day shows the day on which our total Ecological Footprint (measured in global hectares) is equal to the biocapacity (also measured in global hectares) that nature can regenerate in that year. For the rest of the year, we are accumulating debt by depleting our natural capital and letting waste accumulate.

The day of the year on which humanity enters into overshoot and begins adding to our ecological debt is calculated by calculating the ratio of global available biocapacity to global Ecological Footprint and multiplying by 365. From this, we find the number of days of demand that the biosphere could supply, and the number of days we operate in overshoot.

This ratio shows that in 2009, in just 268 days, we demanded the biosphere’s entire capacity for the year. The 267th day of the year is September 25.

If you have further questions about the Ecological Footprint and overshoot calculations, there are a number of resources available through our website to learn more: See the Living Planet Report and the Earth Overshoot Day Media Backgrounder for definitions, data and further information about overshoot. You can also read our methodology paper for a more technical overview of our calculation methods, and visit our glossary page for definitions of terms. If you have further inquiries about Earth Overshoot Day, please contact Nicole Freeling.

Earth Overshoot Day

Apprendo dal network "Bionieri" che il 25 settembre è il giorno dell'Earth Overshoot ovvero il giorno in cui il nostro consumo di risorse naturali sorpassa la produzione naturale annua della Terra. Questo avviene proprio nel giorno dell'avvio del G20 a Pittsburg.

Maggiori Info possono essere reperite sul sito della Rete Lilliput
Altr info su: Global Footprint Network (in Inglese)

Allego di seguito il comunicato stampa

Il 25 settembre è l'Earth Overshoot day: il giorno in cui il nostro consumo di risorse naturali sorpassa la produzione naturale annua della Terra Sappiamo tutti che la natura non fa crediti a nessuno, nonostante ciò il 25 settembre l’umanità avrà utilizzato tutti i servizi ecologici – dalla depurazione del CO2 alla produzione delle risorse alimentari – che la natura può procurarci in un anno, secondo i dati del Global Footprint Network, una associazione di ricerca che misura quante risorse naturali abbiamo, quante ne usiamo e chi le usa. Come ogni altro Paese, azienda o famiglia, la natura ha un bilancio annuale: ogni anno produce un certo quantitativo di beni ed è in grado di smaltire un certo quantitativo di rifiuti. Il problema è che la richiesta di risorse e servizi da parte dell'umanità eccede le capacità della Terra, una condizione definita di sovraconsumo (Overshoot),

Ad oggi - secondo il Global Footprint Network - noi impieghiamo meno di 10 mesi per consumare il quantitativo di risorse che la natura genera in 12 mesi. “Il cambiamento climatico è il risultato più drastico di questa continuo dilapidare le risorse della natura”, dice il prof. Mathis Wackernagel, presidente del Global Footprint Network. “Ma non è l’unico: la perdita della biodiversità, la deforestazione, la diminuzione del pescato, l’erosione del suolo, la carenza di acqua potabile sono tutti sintomi del fatto che la natura sta esaurendo il credito a nostra disposizione”.

In un paese densamente popolato come l'Italia – dice Roberto Brambilla del Gruppo impronta di Rete Lilliput - l'impronta ecologica fa capire quanto sia importante rilanciare una agricoltura a basso impatto grazie alle filiere corte e ai metodi biologici e quanto sia urgente incentivare il risparmio energetico, il riciclaggio dei rifiuti e l'uso delle energie rinnovabili per far diminuire la dipendenza dall'energia fossile inquinante e in via di esaurimento. Tutte iniziative che si tradurrebbero in enormi risparmi per le famiglie italiane. La Recessione Globale rallenta poco la “richiesta ecologica” L'Earth Overshoot day cade esattamente 80 giorni prima che i leader si incontrino a Copenhagen per affrontare la conseguenza principale del nostro sovraconsumo ambientale.

La nostra impronta rispetto al carbonio (la quantità di terreno e di mare che ci vuole per assorbire tutta la CO2 che produciamo come calcolata dal Global Footprint Network) è aumentata del 1000% dal 1961. Le emissioni di CO2 ammontano a più della metà del nostro sovraconsumo di natura. Stiamo immettendo oggi molto più CO2 di quanto l’ecosistema Terra possa neutralizzare e quindi esso si sta accumulando nell’atmosfera generando il cambiamento climatico.

A causa della recessione economica globale, secondo i calcoli del Global Footprint Network, raggiungeremo questa infausta “pietra miliare” con due giorni di ritardo rispetto allo scorso anno; nel passato l'Earth Overshoot day ha anticipato ogni anno di 4-6 giorni. “Il punto è che anche in questa dolorosa situazione economica mondiale, siamo ancora fuori budget nel nostra utilizzazione dei beni e servizi della natura” ha detto Mathis Wackernagel “La sfida è di ridurre questo sovraconsumo sia in tempi di crisi che in quelli di prosperità: dobbiamo trovare un modo di mantenere economie prospere nonché il benessere dell’uomo ma in un modo che non dipenda dalla distruzione delle risorse e dall’accumulo di CO2”.

Come viene calcolato l'Earth Overshoot day

Ogni anno, il Global Footprint Network calcola l'Impronta Ecologica dell'umanità (ovvero la sua necessità di campi, pascoli, foreste, aree di pesca e spazio per infrastrutture e per assorbire CO2), e la confronta con la biocapacità globale (ovvero la capacità degli ecosistemi appena citati di produrre risorse e assorbire rifiuti). L'Earth Overshoot day è un concetto ideato dalla fondazione inglese “nef” new economic foundation, e viene calcolato sui dati del 2005 (l’anno più recente in cui sono disponibili i dati) e su proiezioni basate su tassi storici di crescita della popolazione e dei consumi.

Passare all’azione

L’intervento per tenere a freno la produzione di CO2 da attuare a Copenhagen, come quello da parte di singole città, nazioni e organizzazioni, è di sviluppare una maggiore efficienza nell’uso delle risorse, perché ciò sarà decisivo nel bilanciare il nostro budget naturale. Minimizzare la dipendenza dalle fonti energetiche fossili in favore di forme di energia più pulite e meno dissipatrici di risorse è uno dei passi più importanti verso questo obiettivo. Un altro è incoraggiare la costruzione di infrastrutture più efficienti. Le strade, gli impianti per la produzione di energia, le abitazioni, gli acquedotti e le scelte urbanistiche che oggi compiamo possono durare anche 50 o 100 anni: cattive scelte possono legarci per decenni ad un consumo di risorse rischioso sia da un punto di vista ecologico che economico. Il Global Footprint Network e i suoi partners internazionali sono concentrati sulla soluzione di questo problema, lavorando con i leader dei governi e delle aziende affinché nei processi decisionali tengano nella massima considerazione i limiti ecologici. Per un elenco delle iniziative per il L'Earth Overshoot day vedi Grazie ad un forte impegno internazionale per scongiurare queste dinamiche, l'Earth Overshoot Day potrebbe diventare storia e non più una notizia.

giovedì 24 settembre 2009

Ricerca Scientifica Italiana: il lupo perde il pelo...

Segnalo la lettura di questo articolo del quotidiano "La Repubblica". Così, per masochismo e per non dimenticare il problema. Perchè questo è veramente un grosso problema...

Il "sistema" non perde mai le sue antiche abitudini...

"Ingaggiato dal Miur per essere imparziale e poi bersagliato da raccomandazioni..."

mercoledì 23 settembre 2009

The G20 Pittsburg Summit

After the UN summit on climate change (President Obama full text) and UN general assembly, next date is the G20 Pittsburg Summit Sept. 24-25.

Main discussion topics at this summit are economic tools and strategies to deal with the current global crisis and environmental and social implications of future choices.

In my opinion the most interesting thing is the site choosen for this summit. Pittsburg is a good example of economic transformation from conventional industrial development approaches to the opportunities and potentials of the green economy.

I invite to visit the official summit website, in particular the section Environmental Renaissance.

I think there is a lot to learn about...

G20 Pittsburg Summit

Dopo il summit ONU sul cambiamento climatico (testo integrale del discorso del Presidente Usa Obama - in inglese) e l'assemblea generale delle Nazioni Unite, vi è grande attesa per il summit del G20 che si terrà a Pittsburg il 24 e 25 settembre.

I temi principali del vertice riguardano gli strumenti economici per fare fronte all'attule crisi globale e le implicazioni di natura sociale ed ambientale.

La cosa più interessante è, per me, il luogo che è stato scelto per questo summit. Pittsburg infatti rappresenta un buon esempio di trasformazione da un modello economico industriale-convenzionale a quello ambientale con le opportunità e potenzialità offerte dalla Green Economy.

Invito pertanto a visitare il sito ufficiale del summit, in particolare la sezione Environmental Renaissance. Credo che ci sia molto da imparare.

martedì 22 settembre 2009

The Age of Stupid

Leggo sul sito "Altreconomia" che sta per uscire nei cinema il film "The Age of Stupid". Vi rimando all'articolo del sito Altreconomia per ulteriori dettagli su questo film e sul sito web dedicato.

Da come viene descritto, sembrebbe il caso di andarlo a vedere...
I have read the news about the upcoming premiere of the movie "The age of Stupid".
More details on the website

I think that, just watching the trailer, I could be interesting to go to the cinema...

venerdì 18 settembre 2009

Death in Afghanistan

I think that the article by Roberto Saviano published by the italian newspaper "La Repubblica" may comment, better than others and surely better than me, what happened yesterday in Kabul where six Italian soldiers died.

"Quel Sangue del Sud Versato per il Paese" di Roberto Saviano (in italian)

Morire in Afganistan

Credo che l'articolo di Roberto Saviano pubblicato dal quotidiano "La Repubblica" possa commentare, meglio di tanti altri e sicuramente meglio del sottoscritto, quanto avvenuto ieri a Kabul.

"Quel Sangue del Sud Versato per il Paese" di Roberto Saviano

giovedì 17 settembre 2009

Drugs and Commercials

I have found this interesting contribution on the italian website Partecipasalute, on drugs' advertising.

The relations between drugs and advertisement represent a very critical and sensitive issue whose implications and effects highly reverberate on our choices and life styles. I think that it's extremely important to be adequately informed about that in order to have an awareness which at presently is lacking also because this kind of advertisements tend to exploit our anxiety and fears about our (and our famalies' and friends') health.

Pubblicità ai farmaci. Una volta si chiamava réclame (in italian)

Pubblicità dei Medicinali

Ho trovato questo interessante contributo, sul sito Partecipasalute, sulla pubblicità dei farmaci.

Il rapporto fra pubblicità e farmaci è un argomento molto importante e rappresenta una questione "sensibile" i cui effetti ricadono notevolmente sulle nostre scelte ed i nostri stili di vita. Credo che sia importante essere adeguatamente informati su questa questione per avere un grado di consapevolezza che, mi sembra, attualmente manchi pressochè del tutto.

Pubblicità ai farmaci. Una volta si chiamava réclame

martedì 15 settembre 2009

Una Fattoria per il Futuro/A Farm for the Future

Consiglio di vedere questo video che ho avuto modo di conoscere grazie al movimento della Transizione.

I suggest to watch this video I have found thanks to Transition Movement Italy

lunedì 14 settembre 2009

A shipwreck and its toxic wastes

It has been found yesterday in the Tyrrhenian Sea in Calabria (Southern Italy) s shipwreck full of radiactive and toxic wastes. This finding further confirms the frequent and consolidated praxis by organized crime in Italy to illegaly liquidate toxic wastes also through the sinking of old ships full of wastes.

The effects of this method is clearly evident: marine environment drammatically devastated and, as in the case of the coasts in Calabria region, a sudden increase in cancer diffusion among local communities and increases in radioactivity.

Can we tolerate all this? First of all, it is important to break down the wall of silence around this situations...

More details: Radioactive Fears in Italy (+ video)

domenica 13 settembre 2009

Ritrovata la nave dei veleni

E' stata ritrovato sul fondo del Mar Tirreno in Calabria (Cetraro) il relitto della "nave dei veleni" fatta deliberatamente affondare per smaltire 120 fusti di sostanze tossiche. E' ormai accertato che l'affondamento di vecchie carcasse cariche di rifiuti sia diventata una pratica molto frequente per far illecitamente sparire nel nulla e nel silenzio tonnellate di materiali e sostanze tossiche.

Le conseguenze di questa pratica sono evidenti: ambienti marini devastati drammaticamente e, come avvenuto in Calabria, aumento dei tumori fra la popolazione e presenza di radioattività.

Possiamo permettere che ci venga impunemente fatto questo?

Intanto diamoci da fare per spezzare questo silenzio...

Segnalo i seguenti articoli

Nave dei veleni, l'appello del Procuratore "Non abbiamo risorse, ora tocca al Governo" (La Repubblica)

Comunicato di Legambiente

Dal plutonio alle polveri di marmo: il "cimitero" delle navi radioattive (La Repubblica)

Le immagini della nave dei veleni

giovedì 10 settembre 2009

Violenza sulle Donne

Pubblico di seguito il seguente comunicato stampa dell'Associazione Erinna – centro antiviolenza di Viterbo
7 milioni di donne sono vittime di abusi e violenza..., la violenza sulle donne è ignoranza, è follia". Così recita uno spot radiofonico in onda in questi giorni, quindi vuol dire che ci sono 7 milioni di uomini folli che circolano nelle strade, nelle case, nei luoghi di lavoro… “e' un fenomeno ulteriormente aggravato dalla crisi economica che sta attraversano il mondo, poiché la violenza prolifera nella povertà e ne e' a sua volta causa…” e “…la violenza sulle donne è ignoranza, è follia…” questo è ciò che sostiene la ministra Carfagna nel presentare la conferenza internazionale, a lato del G8, sulla violenza alle donne; ma le cose non stanno proprio così.

La violenza alle donne non dipende dall'ignoranza e dalla povertà (uguale disagio sociale) e/o dalla follia (uguale disagio psichico), ma è frutto della cultura di sopraffazione e di dominio che l'uomo - in pieno possesso delle sue facoltà mentali, colto, anche abbiente (come da dati ISTAT), in altre parole normale - porta avanti da secoli.

Quell'uomo che considera la donna, il suo corpo, la sua vita come una sua proprietà, un oggetto di cui poter disporre a proprio piacimento; che vuole la donna oggetto di tutela e non soggetto di diritti; che utilizza il corpo della donna per affermare una superiorità, un potere che vede sempre più vacillare.

Questi concetti che sono la risultante del laboratorio politico, intellettuale delle donne in decenni di riflessione a partire da sé, sono costantemente ignorati, annullati per non mettere in discussione un equilibrio sociale(se così si può dire) che dura da millenni e che non rende giustizia ad una grande parte dell’umanità.

Ci dispiace che questa occasione internazionale (il contesto internazionale è il luogo che peraltro le donne frequentano e dove si confrontano, ignorate, da anni e anni e dove hanno sviluppato saperi che hanno dato, e danno, lustro e spinte in avanti all’intero genere umano) i rappresentanti del governo e del nostro parlamento abbiano completamente disconosciuti il lavoro ventennale ed il valore dei centri antiviolenza mancando di invitare alla Conferenza l’associazione nazionale dei centri antiviolenza, “D.i.Re contro la violenza”, che rappresenta in Italia il lavoro delle donne che ha rivelato per primo il portato del fenomeno.

Le operatrici, le volontarie dei centri antiviolenza non si sono stancate mai di alzare la voce contro l’omertà su questo massacro di corpi e di menti che non può essere considerato un semplice fatto di relazione privata.

DiRe, cioè le donne dei centri, che ha consegnato alla ministra Carfagna l’elaborato per un Piano Nazionale contro la violenza alle donne, che è stato forse “acchiappato” per ricavarne spunti per dare lustro a proprie proposte, non è stata degna di essere invitata dalla ministra all’incontro internazionale, in questo incontro, in Italia, sono mancate le più rappresentative donne italiane; peccato, la ministra ha perso un’occasione per fare bella figura… ma questo la dice lunga sul percorso politico di questo governo e anche dell’intera classe politica e dirigente. Care donne per noi non è mai ora di smontare le barricate…
Associazione Erinna – centro antiviolenza di Viterbo

mercoledì 9 settembre 2009

We can do something; stop the plastic tote bags

Recently I've got the occasion to talk with two guys about the problems of sustainability, the distortions provoked by the no rule and no limit economy, renewable energies and the dead-end of the development model based on fossil fuels, the increasing inequality among social components and States at international level, etc.

At the end, we all agree on these issues, but the discussion always is blocked on the same knot: we cannot do anything to change this, we have no power, we don't matter!

Surely it is rather true that we don't matter above all within a society based on nepotism, corruption, feudal links and pyramid structure like the italian one nowadays. Yet, how clearly described by H. Arendt in "A report on the Banality of Evil" or more recently Z. Bauman in "Consuming Life" (I warmly suggest the reading of both books), often complex conditions of social and collective perversions are caused by a long chain of individual behaviours which, when isolated, are insignificant and not-relevant but when inserted within this chain may generate devastating effects.

These effects are made even more devastating because characterized by collective irresponsibility caused by a dispersion of personal reponsibility and committment; the consequences of our behaviours are thus perceived as distant in physical, spatial, temporal and psychological terms.

Therefore, we have the impression to be entrapped on a train running at a foolish speed, without a driver, on a dead track and all the passengers are perfectly aware of this: they know that the train will crash at the end but they feel to have no power to stop it. If all this depends also on this long chain of individual behaviours (considering that politicians are doing nothing to deal with these issue for the huge economic interests involved), we all must do something to change our (I repeat our) behaviours.

A virtuous and positive example of "I can do something" is to stop the use of plastic bags we use when shopping. These bags have a dramatic environmental impact and we use them everyday: we can immediately renunce to use them without any problem making in the same time something great and useful for the environment.

The first internation plastic-bag free day will be held on next september the 12th. This is a good occasion to make our voices heard and to provide a positive answer to the question: what can I do?

Some useful links
Terranauta (in italian)
Plastic bag free day
Green (living) Review
Marine Conservation Society

Tutti possiamo fare qualcosa: no alle buste di plastica

Recentemente ho avuto modo di fare due chiacchiere con due ragazzi sui problemi della sostenibilità, di distorsioni dell'economia della crescita senza freni e senza limiti, di energie rinnovabili e dell'impraticabilità del modello di sviluppo fondato sullo sfruttamento dei combustibili fossili, di ineguaglianza crescente fra componenti della società e fra gli Stati nel mondo, ecc...

Alla fine siamo tutti d'accordo, ma il discorso finisce sempre sulla medesima questione: tanto noi non possiamo farci niente, non contiamo nulla!

Sicuramente è vero che non contiamo nulla, soprattutto all'interno di una società clientelare, piramidale e feudale come quella italiana. Tuttavia, come ha chiaramente illustrato tempo addietro Hannah Arendt nel suo celeberrimo "La Banalità del Male" o più recentemente ad esempio Z. Bauman in "Consumo, quindi sono" (invito caldamente a leggere entrambi i libri), spesso a monte di complesse condizioni di perversioni sociali e collettive si colloca una catena fatta di una moltitudine di comportamenti individuali che sono, se presi isolatamente, non significativi, ma se inseriti appunto all'interno di una lunga catena possono produrre effetti devastanti. Questi effetti sono resi devastanti perchè connotati da irresponsabilità collettiva causata da una dispersione della responsabilità personale: gli effetti del nostro comportamento vengono quindi percepiti come distanti in senso fisico, spaziale, temporale e psicologico.

Se quindi la sensazione di essere su un treno che corre a folle velocità senza guida su un binario morto (e tutti i passeggeri sanno che si schianterà alla fine, ma pensano di non poter fare nulla per fermarlo) dipende da questa lunga catena di comportamenti individuali, allora, visto che la politica discute senza mai mettere mano realmente e seriamente a questi problemi visti gli interessi economici in gioco, dobbiamo lavorare su questi nostri comportamenti (e sottolineo nostri).

Un esempio virtuoso di "possiamo fare qualcosa" è quello di limitare decisamente il nostro uso delle buste di plastica che hanno un impatto ambientale enorme. Tutti i giorni tutti le usiamo senza pensarci ed invece è possibile farne decisamente a meno senza problemi.

Il 12 settembre 2009 si celebrerà la prima giornata internazionale senza sacchetto in plastica. Approfittiamo quindi per dare un segno di esistenza in vita e per non dire ancora: mai io tanto che ci posso fare?

Per approfondimenti si può consultare questo link di Terranauta
Altri link utili:
Plastic bag free day
Green (living) Review
Marine Conservation Society

lunedì 7 settembre 2009

Michael Moore in Venice

The Michael Moore's movie "Capitalism: a love story" has gained great success in Venice at the 66 International Film Festival. This movie is focused on the distortions of the no ethics/no rule capitalism which culminated with the recent financial crisis.

One can agree or disagree with Michael Moore's movies and point of view (but actually I have to mention how topical is, for the present situation, the film "Roger & Me"): this success is however a clear signal... Yet I wonder: are we in Italy capable to reflect about these issues other than claps our hands?

I here evidence Michael Moore's website and the interview (in italian) to the italian newspaper "la Repubblica".

Michael Moore a Venezia

Il film di Michael Moore "Capitalism: a love story" ha ottenuto un grande successo alla 66ma Mostra del cinema di Venezia. Il film è focalizzato sulla critica sulle distorsioni del capitalismo senza etica e senza regole culminato con la recente crisi finanziaria.

Si può essere d'accordo o in disaccccordo con Michael Moore e con i suoi film (non posso non menzionare la drammatica attualità del suo "Roger & Me"): questo successo è però un segnale chiaro su cui bisognerebbe riflettere...

Ma in Italia abbiamo ancora la capacità di riflettere?

Di Michael Moore segnalo in particolare il suo sito e l'intervista che ha rilasciato al quotidiano "la Repubblica".

giovedì 3 settembre 2009

Where have italian politics gone?

During this summer I have decided to get some vacation time above all from this computer. For a long I have written no posts, I have seen no blogs, website, social networks, news, etc.

I particular I have decided not to mention politics when restarting my activities here on this blog but, considering what is going on in Italy, it hasn't possible.

Politically summer in Italy is ending in a grotesque way; while hundreds of temporary workers are sitting on the roofs of monuments and buildings protesting, while gay people in Rome are victims of severe persecution episodes, while women are suffering increasing dramatic situations of violence, while italian economy is plummeting and hundreds of firms and thousands of jobs are at risk, while information is suffering heavy pressures, while public spending seems out of control with severe effects on public debt, while frauds, corruption and mismanagement are widespreading everywhere, while renewable energies penalized to advantage of fossil fuels, while everywhere in Italy are reported severe episodes of environmental degradation: while all this is happening, where are italian politics?

Italian politicians are engaged in something else: debates, legal actions, calumnies, scandals, gossip, boutades, slaps on someone's back and tough-looking with European Commission, dialects in schools, the emergency of the national anthem...

Politics are absent and when present it is completely farcical.

Someone may argue that, lacking ideas and political programmes and plans, in order to deal with the immediate needs of italian society, politicians can only move the entire issue on the level of a TV show, as usual. Being unable to design and foster a concrete political strategy, the only possibility is to invent any escamotage to attract however media attention. They are using irreality to deal with reality. This is a process of mass distraction.

When will politics finally come back to Italy?

Dove è finita la politica italiana?

Durante l'estate avevo deciso di prendermi una vacanza, soprattutto da questo computer. Per un bel pò di tempo non ho scritto niente, non ho guardato blogs, siti, news, ecc... Mi sono in pratica disintossicato un po'.

Mi ero anche riproposto di non parlare di politica alla ripresa delle mie varie attività, ma francamente, considerato quello che vedo in giro, non ci riesco.

L'estate si sta concludendo politicamente in Italia in modo grottesco: mentre centinaia di precari si arrampicano su edifici e palazzi per far sentire la loro voce altrimenti inascoltata, mentre gli omosessuali a Roma sono oggetto di episodi di persecuzione, mentre i casi di violenza sulle donne si moltiplicano a dismisura, mentre si sbraita tanto sulla questione immigrazione, mentre l'economia italiana va a rotoli e centinaia di imprese e migliaia di posti di lavoro sono a rischio, mentre l'informazione subisce pesanti pressioni, mentre la spesa pubblica appare del tutto fuori controllo con pesanti ripercussioni sul debito pubblico italiano, mentre si scoprono continuamente frodi, episodi di corruzione politica, malagestione, mentre le energie rinnovabili vengono penalizzate a vantaggio dei combustibili fossili, mentre si segnalano ovunque in Italia episodi gravi di degrado ambientale; mentre avviene tutto questo la politica italiana dov'è?

La politica è di fatto impegnata in ben altro; dibatti estivi, passerelle, querele contro questo e contro quello, gossip, boutade, pacche sulle spalle per alcuni e facce dure con l'Europa, i dialetti nelle scuole, l'urgentissimo problema dell'inno nazionale.

La politica di fatto è assente e quando è presente lo è in modo "bagaglinesco".

Il sospetto è che, in mancanza di un'idea o di un progetto per fare fronte alle più immediate necessità e bisogni della nostra società, l'unica cosa che la politica italiana riesce a fare è spostare il tutto, come sempre da un po' di tempo a questa parte, sul piano dello spettacolo e dello show Giustificatelevisivo. Non potendo avanzare proposte politiche concrete, pur di fare notizia, farsi notare, occupare i notiziari ed i titoli dei giornali e far parlare di sè ci si inventa qualsiasi escamotage anche ridicolo e risibile. Si risponde al "reale" con "l'irreale". Si tratta in fondo di un processo di "distrazione di massa".

Quando si tornerà a fare finalmente politica in questo sfortunato Paese?

mercoledì 2 settembre 2009

The VII Forum "Firms in a different Economy"

On next 5th september in Cernobbio (Italy) it will be held the VII Forum "Firms in a different Economy" organized by the Italian Association Sbilanciamoci!. This forum will be focues on the issues of the present economic and financial crisis and its implication for Italy.

The most interesting and intriguing thing is that this forum wil be held side by side to the great economic workshop every year organized by the Studio Ambrosetti in Cernobbio in the same date. This is surely a provocative initiative because in Cernobbio it will be possible to see (even if within two different forums) the two facets of the current economic and social situation: on the one side managers, bankers, politicians, businessmen while, on the other side, expressions of civil society, workers, researchers, immigrants, students, temporary workers...

More info on Sbilanciamoci! (in italian)

VII Forum "L'impresa di un'economia diversa"

Il 5 settembre si terrà a Cernobbio il Forum di Sbilanciamoci!L'impresa di un'economia diversa - che sarà incentrato sui temi della crisi economica e finanziaria globale e su le sue implicazioni per l'Italia. E' interessante notare che questo Forum si svolgerà fianco a fianco del grande workshop economico organizzato dallo Studio Ambrosetti che si tiene ogni anno a Villa D'Este. Insomma a Cernobbio si potranno vedere contamporaneamente (anche se in due Forum diversi) i due mondi dell'attuale situazione economica (con le loro differenti prospettive e differenti punti di vista): da un lato manager, banchieri, uomini politici, uomini d'affari mentre dall'altro esponenti della società civile, operai, ricercatori, immigrati, studenti, precari, sindacalisti.

Maggiori info sul sito Sbilanciamoci!

martedì 1 settembre 2009

Young Farmers

I have always argued in this blog that young farmers should play a more relevant role within italian agriculture giving them more opportunities and possibilities: to achieve this, we need less bureaucracy, more transparency, real training, a concrete (financial/non finacial) support toward really positive initiatives finally leaving behind favouritism and nepotism.

This is a critical step to make in particular considering the present period of crisis and recession: for many rural areas in Italy it is essential to look again at agriculture and rural activities as economic sectors capable to generate job and firm opportunities.

For decades, in the name of an illusory modernisation, agricultural jobs have been considered humilitating and second-class activities: we thus need a mentality shift (also in education and training) as critical precondition not only to create job opportunities but also for an ethical rigeneration of our society made obese by industrial food and a TV and videogame culture.

Within this perpective, the Italian Ministry of Agriculture is launching a project called "Land and Young" which, among others, will imply the rent, at modest price, of State land and agricultural goods to young farmers.

Is this an effective project? Is this a real opportunity for young people to become a farmer?

I hope that, going beyond the usual verbal declarations, this project won't hide some land speculation being rather a first signal of change: I actually wonder if to be a farmer has become more simpler for a young woman/man in Italy or not.

I hope to be able to mention shortly some local experiences.

In the meantime,anyone wants to share some personal experience is welcome.

Il Progetto "Terra e Giovani" ("Land and Young" in italian)
La Terra Siamo Noi ("We are the Land" in italian)

Giovani agricoltori

Ho sempre sostenuto su questo blog l'importanza di attribuire maggiore spazio ai giovani all'interno della nostra agricoltura (possibilmente biologica): serve meno burocrazia, maggiore trasparenza, formazione vera, destinare un sostegno reale (non solo finanziario) alle iniziative veramente meritevoli lasciando finalmente da parte i clientelismi e i favoritismi. Tutto questo è indispensabile in particolare in questo momento di crisi e di recessione: per molte aree rurali diventa indispensabile poter tornare a guardare all'agricoltura e all'economia rurale come settori capaci di creare opportunità di lavoro e di impresa.

Per troppi anni in Italia il lavoro agricolo è stato considerato come degradante ed umiliante, un lavoro di serie C: un cambio di mentalità (anche all'interno della scuola e della formazione) diventa quindi la precondizione non solo per creare posti di lavoro, ma anche per una rigenerazione etica della nostra società resa obesa da cibi industriali e da una cultura televisiva e dei videogames.

Il Mipaaf lancia a tale proposito il progetto "Terra e Giovani" che, tra l'altro, prevederebbe che l'Agenzia del demanio cederà in affitto, a prezzi contenuti, i terreni , i beni agricoli di proprietà dello Stato e degli enti pubblici ai giovani agricoltori, sulla base degli indirizzi adottati con decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze.

Al di là delle dichiarazioni, speriamo che ciò non camuffi qualche speculazione fondiaria e si possa cominciare a vedere qualche segnale di cambiamento: è diventato veramente più semplice fare il contadino o la contadina soprattutto se giovani?

A breve riporterò qualche esperienza locale.

Se qualcuno vuole condividere qualche esperienza personale è il benvenuto.

Il Progetto "Terra e Giovani"
La Terra Siamo Noi